WASTED LIVES # 3 | UNDER SKIN

WASTED LIVES #3 UNDER SKIN | PUTIGNANI

22 | 23 | MAGGIO  H 16 + H 18 | 

ex CHIESA SAN CARPOFORO  | ACCADEMIA BELLE ARTI BRERA

      PERFORMANCE  

WASTED LIVES#3|UNDER SKIN

‘Il rapporto del corpo con il peso e con l’inerzia. Quindi il corpo allo stato puro: rapporti spaziali e di gravità, masse e articolazioni.

In questo senso si tratta di  ‘teatro-saggio’, di teatro usato come strumento di conoscenza.

Non di informazione, ma di formazione’.

Leo de Berardinis

A conclusione dei tragitti di ricerca effettuati sul campo con i maestri della scena contemporanea,
dal counting rice con Marina Abramovic e Libenskind,
agli incontri con Tony Servillo, Moni Ovadia, ai seminari con Biasiucci, Quadri e Braucci, sino all’allestimento con le parole di  Ronconi
Scritture emerse nella Chiesa di San Carpoforo

La Terza  Tappa del  percorso sulle drammaturgie intercontinentali  WASTED LIVES #3 | UNDER SKIN

La successiva in ottobre all’interno di Milano BookCity ed Expo in città 2015

vede coinvolti giovani artisti, musicisti e performer confluenti a Brera da diversi mondi,
da Istanbul a Belgrado, dalla Siria al Pakistan, dalla Sardegna alla Sicilia, da Panama a Trieste, da Shanghai a Milano,  
insieme al Sud del Sud dei Santi italiano, nella migrazione milanese.
Ri-attraversando la poetica corporea Neiwilleriana

____________________________________________________________________
        
Hanno scritto su VITE DI SCARTO #3| SOTTO LA PELLE 

Ho visto la prova generale dello spettacolo 

e poche ore dopo ho letto la notizia che in Turchia una giovane artista curda diciannovenne è stata gravemente  ferita da dei fondamentalisti  perché era apparsa in tv con le braccia nude. 

In scena ho visto tante giovani artiste di diversi paesi, tra cui la Turchia, che come il titolo suggerisce raccontavano con il corpo (le parole erano poche e liriche) il corpo, la sua superficie profonda e le sue peripezie nello spazio e nella luce per essere, per esistere in quanto tale e in quanto portatore di storie e di vite nel buio dell’oblio che lo attornia. 

Mi è stato chiaro allora che l’opera era un incrocio di vissuti e d’inquietudini giunte lì con il loro carico di esperienze e di linguaggi, da osservare e sentire come spiragli su realtà complesse, tragiche e combattive. 

Linee traccianti che illuminavano scampoli del presente, con ribaltamenti di punti di vista, dove i performer cercavano di uscire dal buio, dai chiaroscuri, portando con sé il mistero del corpo stesso, la sua geniale e dinamica struttura. Leggendo del dramma della giovane curda ho visto quegli spiragli dilatarsi e aprirsi sul corpo di chi leva in alto le braccia e grida “Ehi, io esisto!” lì dove il buio, l’oscuro, il retrivo schiacciano e ammutoliscono tutto ciò che è fragile e delicato, il poema, il femminile, il divenire, il movimento. Una lotta impari, ma inevitabile, per esistere 

che mi ha ricordato cosa è o dovrebbe essere il teatro.                  

 Maurizio Braucci  20 Maggio 2015

_______________________________

“In questa performance, tutto è “primo”, epifanico: tutti questi ragazzi sono nati ieri ed è come se fossero da sempre da qualche parte; tentano la vita come promesse, come iniziati e come residui. La sperimentano in un recinto sacro e come l’Edipo a Colono hanno già visto tutto e adesso non hanno più bisogno di vedere dove un qualche Dio li fa vagare. 

Si sente proprio che tutto è “primo”: per questo sono così vicine le esperienze delle energie elementari di Beuys o di quelle primarie dell’interrelazione della Abramović. Ma è soprattutto così presente Kantor ad accompagnare e guidare sulla scena quel suo gioco, quei suoi girotondi: un palcoscenico perpetuo che ha origini remote, ma certamente non ha fine.….quando gli attori ci conducono dentro la scena per guardare dove eravamo come pubblico, è sconvolgente non vedersi più là in quei posti vuoti. 

Ma forse adesso si è anche noi “al riparo”, impigliati qui dalla risacca della trivialità quotidiana”.   

 Pietro Bellasi   10 Maggio 2014

____________________________

UNDER SKIN

CORPI PERFORMANTI  | MOLECOLE  | MUTAMENTI | PARTITURE
Sensibilizzazioni su nudità architettoniche. Atti visuali che rielaborano differenti esperienze teatrali ed artistiche.
Un Osservatorio Corporeo/Spaziale che ridefinisce tragitti aperti dai maestri dell’avanguardia del secondo ‘900, tra scena teatrale, arti visive e performance, nella ricerca originaria e nella necessità di costruire con rigore un atto fondante comune, risposta sensibilizzante alla barbarie.

______________________

Giunto all’ottavo anno, il Laboratorio permanente ARTE della PERFORMANCE, attivo all’interno del corso Specialistico di Regia e Pratica e Cultura dello Spettacolo dell’Accademia di Belle Arti di Brera, segnala un processo didattico pluridisciplinare, toccando da anni poetiche intercontinentali,
attraverso performance, installazioni. Dagli incontri, ai seminari, attraversando soglie e frontiere con giovani artisti provenienti
dagli angoli del mondo, sulle nuove prospettive tra Oriente & Occidente.             

Il seminario prosegue per la configurazione di un nuovo allestimento sul 33 CANTO del PARADISO 

in relazione con gli spazi e cortili della Pinacoteca di Brera. Ripercorrendo un allestimento rimasto nella memoria degli spettatori
GESSI SONORI | SINDONI DIGITALI

Percorso itinerante realizzato in passato nei cortili e corridoi dell’accademia.
      

                            
Φ A cura di LOREDANA PUTIGNANI 

Progetto di Ricerca Interdisciplinare  |  SOTTO LA PELLE    |   SEMINAR ROOMS #21 |  Incontri  con i MAESTRI DELLA SCENA CONTEMPORANEA. 

Nell’ambito delle Cattedre di Regia |  Pratica e Cultura dello Spettacolo |   Triennio e Biennio Specialistico | Accademia Belle Arti Brera | Milan

con

OMAR ABU FAKHER   ERIKA BELLUSCI   COSIMO D’AGNESSA   MARIO DI MAURO   YU DUAN   SILVIA FONTI   NAOMI GALBIATI   MARIJA GAVRILOVIC   IRENE GHIDELLI   AMINA NAZIR   ALESSANDRA PIGA   AMELIA I. M. RESTUCCIA   ALICE FRANCESCA SABBADINI   FEDERICO SCIBILIA   FLORIANA SETTI   GIULIA INES SIMONETTI   ANNA TIMPANARO   MARGHERITA TURCHI   MARCO VELLI   PELIN ZEYTINCI

assistenti  Omar Abu Fakher  Giulia Ines Simonetti   immagini&proiezioni video  Giulia Ines Simonetti   musicisti&cantanti dal vivo  Cosimo D’Agnessa   Mario Di Mauro   Pelin Zeytinci   operatore audio   Federico Scibilia   composing audio editing  Youssef Tayamoun

si ringraziano   Riccardo Bonora   Patrizia Parenti   Fernando Timpanaro

_______________________________

PERFORMANCE    W A S T E D   L I V E S  #3 |  U N D E R  S K I N  |  Opening  May 22   H 16 + h 18 pm  |  May 23  H  16 + h18pm |  Ex chiesa San Carpoforo | SEMINAR ROOMS | PUTIGNANI | BRERA
POSTI LIMITATI
ingresso libero su prenotazione obbligatoria
  RSVP
performersbrera@gmail.com
   

EX CHIESA  SAN CARPOFORO  |   Largo Formentini 2  |  BRERA   |  Milan

S O T T O    LA    P E L L E  | SEMINAR  ROOMS   |    U N D E R    S K I N 

WASTED LIVES PRESS RELEASE  WASTED LIVES    PH   1  WASTED LIVES   PH   2  
http://performerbrera.wordpress.com/vite-di-scarto/ 
https://performerbrera.wordpress.com/wasted-lives-3-under-skin/
http://www.accademiadibrera.milano.it/it/vite-di-scarto-10v14-san-carpoforobrera-putignani.html 
http://www.accademiadibrera.milano.it/it/search/node/putignani%20loredana
U N D E R   S K I N   scritti | testimonianze
W A S T E D  L I V E S  reviews

 

A cura di  Φ Lo R E D A N A  P U T I G N A N I  @all rights reserved |    S O T T O    LA    P E L L E   |    SEMINAR  ROOMS #21 |  U N D E R    S K I N              expe dito
Annunci